Tentata concussione, condannati due carabinieri del NOE

tribunale_tBologna, 29 gen – Si è concluso con tre condanne il “processo Noe” al tribunale di Bologna. Il collegio presieduto dal giudice Rita Zaccariello ha deciso per una pena, in rito abbreviato, di due anni e quattro mesi per il sottufficiale del nucleo ecologico dei carabinieri Vito Tuffariello (per tentata concussione e rivelazione di segreto d’ufficio) e di due anni e due mesi per il collega Sergio Amatiello così come per l’imprenditore Marco Varsallona, titolare di una ditta che si occupa di rifiuti speciali e pericolosi.

Per i due militari è stata decisa anche l’interdizione dai pubblici uffici. Il pm Morena Plazzi aveva chiesto pene tra 5 anni e mezzo e 5 anni. Secondo l’accusa i due marescialli, nel 2008, avevano minacciato il titolare della ditta di rifiuti Niagara di Poggio Renatico (Ferrara) per ottenere tra i 20 e i 40 mila euro per “ammorbidire” il rapporto del Noe. Per farlo, avrebbero avuto la complicità di Varsallona, con il quale erano in rapporti. (ANSA)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.