Tangenti: maresciallo della Finanza e un imprenditore arrestati a Brindisi

Guardia-di-Finanza8Brindisi, 2 dic – Un maresciallo della Guardia di finanza del nucleo di polizia tributaria di Brindisi è stato arrestato con le accuse di corruzione, rivelazione del segreto d’ufficio e favoreggiamento personale. Si tratta di Pasquale Lisi, di 59 anni. Al militare è stata notificata un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Brindisi. Lo stesso provvedimento è stato notificato dalle Fiamme Gialle all’avvocato Giovanni Faggiano, di 52 anni, già detenuto nell’ambito di un’indagine condotta dalla procura di Napoli sulla raccolta dei rifiuti. Faggiano, che è legale rappresentante di una società di vigilanza, è accusato di concorso in corruzione.

Secondo la procura di Brindisi, il maresciallo Lisi, dal febbraio 2011 ad oggi, ha avvertito Faggiano che nei suoi confronti era in corso un’indagine per reati tributari, nell’ambito del quale erano stati disposti accertamenti bancari e patrimonali. L’indagine – secondo l’accusa – se non ci fosse stata la fuga di notizie avrebbe potuto portare anche al sequestro dei conti correnti bancari intestati alla società ed al suo legale rappresentante. La rivelazione – sempre secondo la procura di Brindisi – sarebbe stata fatta allo scopo di consentire al beneficiario di prendere tutte le contromisure opportune per sottrarsi alle indagini. In cambio della rivelazione, il militare avrebbe ottenuto l’assunzione di un parente alle dipendenze della società di vigilanza. (ANSA)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.