Ergastolo a Gorelli per l’uccisione dell’appuntato CC Antonio Santarelli

Antonio-SantarelliVerso il ricorso, il pm aveva chiesto 20 anni. Grosseto, 8 dic – Il gup del Tribunale di Grosseto, Marco Bilisari ha condannato all’ergastolo il 20enne Matteo Gorelli, che il mattino di Pasquetta del 2011 aggredì insieme a tre amici minorenni due carabinieri che li avevano fermati a un posto di blocco, mentre i quattro ragazzi stavano andando a un rave party a Sorano, in Maremma. La sentenza, inaspettata, è arrivata nella tarda serata di ieri.

I legali del giovane di Cerreto Guidi (Firenze) attenderanno le motivazioni della sentenza, ma ricorreranno quasi sicuramente in appello. Il gup non ha riconosciuto le attenuanti generiche a Gorelli, accogliendo la richiesta dell’Avvocatura di Stato che aveva invocato, durante l’udienza, proprio l’ergastolo. Il pm Giuseppe Coniglio aveva chiesto 20 anni di carcere. Alla lettura della sentenza la mamma di Gorelli è scoppiata a piangere. All’inizio del processo con rito abbreviato, la donna aveva abbracciato la vedova dell’appuntato Antonio Santarelli, morto dopo un anno di coma a seguito dell’aggressione, in cui è rimasto gravemente ferito a un occhio anche il carabiniere Domenico Marino, che ieri era in aula.

Gorelli è stato condannato anche a versare 300mila euro al figlio del carabiniere ucciso, 200mila alla vedova, 200mila al fratello e alla sorella del militare e 260mila al Ministero della Difesa. (Adnkronos)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.