Libano: Di Paola, la stabilità della regione è fondamentale per l’Italia

unifil-italianiBeirut, 27 gen. – La stabilità della regione mediorientale è fondamentale per l’Italia: questo il messaggio che il ministro della Difesa, Giampaolo Di Paola, ha portato al presidente libanese, Michel Sleiman. Il ministro è arrivato stamane a Beirut e domani parteciperà alla cerimonia per il passaggio di consegne al comando della missione dei caschi blu dell’Unifil, che torna affidato all’Italia e con il generale Paolo Serra.

Di Paola, che è accompagnato dal sottosegretario agli Esteri, Staffan de Mistura, dedica la sua giornata a una serie di incontri con i più alti vertici del Paese. Al presidente Sleiman, il ministro ha ricordato che il contingente militare italiano in Libano è il più numeroso tra quelli all’estero (1.100 uomini circa, sui 12.000 caschi blu di 36 nazioni schierati a sud del Libano, al confine con Israele), una testimonianza dell’impegno militare italiano in un teatro di crisi delicato come il Libano. Sleiman, un cristiano maronita che è stato per un decennio al vertice delle forze armate libanesi, ha espresso apprezzamento per il ruolo dell’Italia. Di Paola e de Mistura incontreranno nel pomeriggio anche il presidente del parlamento, lo sciita presidente del movimento Amal, Nabih Berri, e il premier, Nagib Miqati; in serata l’ultimo appuntamento di rilievo della giornata, l’incontro col patriarca maronita Mar Becharh Lrai. (AGI)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.