Difesa, Sbilanciamoci: in Italia 30 miliardi di spesa nonostante la crisi

armiOltre 10 miliardi serviranno nei prossimi anni. Roma, 5 giu – “Trenta miliardi complessivi di spesa (fonte Sipri) nel 2012, oltre 10 miliardi nei prossimi anni per 90 cacciabombardieri F35 e ben 1,4 miliardi di euro per le missioni militari all’estero”. E’ quanto ha destinato l’Italia per le spese militari, secondo quanto riferito dalla Campagna Sbilanciamoci! che ha presentato ieri a Roma il suo dossier “pdf Economia a mano armata “.

“La spesa militare globale nel 2011 ha continuato ad aumentare: dello 0,3% in termini reali rispetto al 2010, raggiungendo i 1.740 miliardi di dollari; il 75% della spesa mondiale per armamenti nel 2011 riguarda appena 10 Paesi e gli Stati Uniti si confermano leader della classifica con il 43% della spesa mondiale militare. La media globale della quota del Prodotto interno lordo destinato alle spese militari è del 2,6%”, si precisa in un comunicato. I paesi europei nel loro complesso – ricorda Sbilanciamoci! – hanno circa 7 milioni di soldati (Stati Uniti 1 milione e mezzo), 45mila tra carri armati e mezzi di combattimento (Stati Uniti 34mila) e 3.500 aerei di combattimento (Stati Uniti 2mila). “Tenuto conto delle ambiguità e anche della pericolosità di un esercito europeo slegato da un potere di controllo democratico – e oggi l’Unione Europea ha un drammatico deficit di democrazia – se si andasse verso una direzione di maggiore integrazione delle strutture di difesa europea, si potrebbe avere un risparmio complessivo di 100-150 miliardi di euro nei vari paesi, e anche in questo caso la somiglianza della cifra (130 miliardi) con quanto si è speso per l’ultimo salvataggio della Grecia (febbraio 2012) è abbastanza significativa”, commenta l’organizzazione. (TMNews)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.