Difesa, Mauro: tra dieci anni avremo 33mila militari in meno e gli F-35

bilancia2 giugno senza Frecce Tricolori. Roma, 23 mag – ”In dieci anni avremo 33 mila militari in meno. Sugli F35 il programma è confermato, ci servono strumenti di difesa per garantire la pace”.

Lo afferma in una intervista al Messaggero il ministro della Difesa, Mario Mauro, annunciando che non ci sarà il passaggio delle Frecce tricolori il 2 giugno, per la Festa della Repubblica.

”Dobbiamo ridurre i costi – spiega – il centro della Festa non sono nè la parata nè le Frecce. Il centro è la parola Repubblica e mi piace far capire quanta tensione morale debba esserci in un momento come questo”. Sull’efficienza dello strumento militare, riformato dal governo Monti, Mauro dice che ”abbiamo ancora un impegno finanziario eccessivamente addensato sugli stipendi del personale. Oggi oltre il 70 per cento del bilancio se ne va per il personale, meno del 20 per cento per gli investimenti e solo l’8-9 per cento per l’esercizio. Dovremo arrivare a un equilibrio diverso”. E per ”favorire l’integrazione delle Forze armate europee” Mauro pensa sia venuto il momento ”di fare un Erasmus dell’ufficiale europeo”.

Quanto agli F35 ”se vogliamo la pace dobbiamo possedere dei sistemi di difesa che ci consentano di neutralizzare i pericoli che possono insorgere in conflitti che magari sono distanti migliaia di chilometri da casa nostra ma che hanno le capacità di coinvolgere il mondo intero e di determinare lutti e povertà”. ”Le Forze armate italiane – è il ragionamento del ministro – attraverso l’acquisizione di un jet che nasce da un progetto di ricerca, garantiscono la difesa della pace. E proprio per questo faremo tutti i passi necessari per l’acquisizione degli F35 e per lo sviluppo di questo programma a cui contribuiamo da 20 anni. Gli F35 saranno l’egida della pace e non uno sfizio da toglierci”.

Marcon (SEL): gli F35 sono strumenti di guerra, non di pace

“Il ministro della difesa Mauro parla di risparmi per la difesa e conferma l’acquisto degli F35 per la protezione del paese. In queste affermazioni ci sono tre cose non vere”. Lo afferma il deputato di Sinistra Ecologia Libertà Giulio Marcon. ”La prima cosa non vera è che non ci saranno risparmi alla difesa, ma solo una rimodulazione delle spese che permetterà di spendere meno per il personale, ma di più per i sistemi d’arma – afferma Marcon – La seconda è che non ci sarà alcun risparmio con l’acquisto degli F35: ben 14 miliardi di investimenti mentre non abbiamo soldi da investire contro la crisi e per il lavoro. La terza, continua il deputato di Sel Marcon, è che gli F35 non servono per la pace ma per fare la guerra, sono caccia bombardieri con funzioni di attacco, tanto che potranno trasportare ordigni nucleari”. ”Il ministro – conclude – da’ il contentino di non far volare le frecce tricolori alla parata del 2 giugno, per risparmiare qualche migliaio di euro. Farebbe bene a dirci come ridurre veramente di qualche miliardo di euro le spese per la difesa. Tutti gli italiani stanno facendo sacrifici, solo le Forze Armate non le fanno. E’ ora, come propongono le campagne pacifiste, di ridurre le spese militari per investire le risorse risparmiate, conclude Marcon, nella soluzione dei problemi che affliggono gli italiani: il lavoro, i diritti, la scuola”. (Ansa)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.