Difesa: Mattarella in collegamento con i militari all’estero: “Italia protagonista della Sicurezza”

Roma, 21 dic – Le 35 missioni assicurate attualmente dalle Forze Armate italiane nel mondo «conferiscono al nostro Paese prestigio e lo rendono un interlocutore che contribuisce fortemente alla pace».

E’ stato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a sottolinearlo, collegandosi in videoconferenza con i principali teatri operativi all’estero.

Da parte di Mattarella è giunto un “ringraziamento” ai militari italiani «per quanto fanno e per la qualità del lavoro che svolgono, interpretando appieno i principi e i valori della Costituzione. Un’opera preziosa, un grande complesso di attività che si aggiunge a quelle svolte in Italia nell’operazione Strade Sicure».

Il primo collegamento di Mattarella con i teatri operativi all’estero ha riguardato la missione in Niger, appena avviata e per ora solo a livello di ricognizione, definita dal capo dello Stato “molto importante” per la sicurezza e la stabilità dell’area del Sahel.

Al collegamento in videoconferenza del presidente della Repubblica, svoltosi nella sede del Comando operativo di vertice interforze, hanno preso parte tra gli altri il ministro della Difesa Roberta Pinotti, il capo di Stato maggiore della difesa, generale Claudio Graziano e tutti i vertici militari.

Sono circa 14mila i militari italiani impegnati in missione in Italia e all’Estero. Sono 7.200 quelli all’opera nell’operazione “Strade Sicure” nelle città italiane in supporto alle forze di polizia, mentre altri 6.800 sono in attività nell’ambito di 35 missioni all’estero in 22 Paesi. Nel corso del collegamento in videoconferenza con le sedi delle missioni all’estero, Mattarella ha rivolto un incoraggiamento a tutti i comandanti dei dispositivi militari, estendendo i propri «auguri raddoppiati a tutti i militari perché trascorrere il Natale all’estero, lontano dalle persone care, è un sacrificio».

Terrorismo, sicurezza, flussi migratori, cooperazione con gli altri Paesi sono stati i temi trattati da Mattarella, che ha definito “un grande risultato” la sconfitta dell’Isis in Iraq, dove operano gli addestratori italiani. La missione in Libia è “una prova di amicizia” nei confronti di un Paese “molto importante a cui stiamo offrendo un aiuto”. Anche in Libano, “Paese complesso, il nostro contributo è
prezioso”. Nell’esaminare la situazione in Kosovo è stato toccato il tema del ritorno dei foreign fighters dalla Siria e dall’Iraq. Sul territorio kosovaro se ne stimano circa 330 e la situiazione è sotto il monitoraggio dalle forze di sicurezza locali e dagli uomini della missione Kfor.

A margine della visita di Mattarella al Coi, il generale Claudio Graziano, Capo di Stato Maggiore della Difesa, ha ringraziato il Presidente della Repubblica per aver sottolineato “l’importanza di un sistema che garantisce la sicurezza”. Quanto alle missioni in atto, l’ultima nata, l’operazione in Niger, “va vista in un’ottica strategica, con il Sahel da intendere come il fronte sud dell’impegno e della priorità per la sicurezza del Mediterraneo”.

Con il ministro Pinotti e il Capo di stato maggiore della Difesa generale Claudio Graziano, hanno preso parte al saluto di Mattarella ai militari in missione i vertici militari italiani: il capo di stato maggiore dell’Esercito generale Danilo Errico, il cui mandato scade il prossimo 25 febbraio e che sarà avvicendato al vertice della forza armata con una designazione attesa in una delle prossime riunioni del Consiglio dei Ministri, il capo di stato maggiore della Marina militare ammiraglio Valter Girardelli, il capo di stato maggiore dell’Aeronautica militare generale Enzo Vecciarelli, il comandante generale della Guardia di Finanza Giorgio Toschi, il comandante generale dei Carabinieri Tullio Del Sette (anch’egli in scadenza a metà gennaio e in procinto di essere sostituito al vertice dell’Arma).

Sono stati effettuati collegamenti in videoconferenza con le missioni in Niger, Afghanistan, Emirati Arabi Uniti, Libano, Kosovo, Iraq, Kuwait, Somalia, Turchia, Gibuti, Libia, Albania e con le navi in attività nel Mediterraneo.

Sommario
Difesa: Mattarella in collegamento con i militari all'estero: "Italia protagonista della Sicurezza"
Article Name
Difesa: Mattarella in collegamento con i militari all'estero: "Italia protagonista della Sicurezza"
Author
Publisher Name
GrNet.it
Publisher Logo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.