Difesa: L’Espresso, l’Italia aumenta la spesa per gli armamenti. Nel 2013 saranno 5,5 miliardi

spese-armamentiE 21,1 miliardi solo per caccia Eurofighter. Roma, 22 ago – “Aumentano nel 2013 i fondi per la Difesa: saranno 14,4 miliardi, 800 milioni più del 2012. Grazie ai contribuiti del ministero dello Sviluppo Economico l’Italia quest’anno spenderà 5,5 miliardi in nuovi armamenti. E i costi del caccia Eurofighter battono tutti i record: gli aerei verranno pagati 21,1 miliardi”.

Lo afferma L’Espresso, in edicola domani.

Secondo il settimanale, “quest’anno i fondi per l’acquisto di armamenti aumentano in modo clamoroso rispetto al 2012: complessivamente saranno 5,5 miliardi di euro, grazie al contributo del ministero dello Sviluppo Economico che mette a disposizione 2.182 milioni per comprare sistemi militari”. “Gran parte di questi soldi – scrive L’Espresso – servono per finanziare l’acquisto dei caccia europei Eurofighter. Mentre si discute dei costi del Lockheed F-35, stimati in 12 miliardi di euro, si scopre che il preventivo per gli Eurofighter italiani ha superato ogni record: il documento ufficiale indica in 21,1 miliardi di euro la spesa per questi aerei. Non solo: il prezzo risulta aumentato di ben 3 miliardi rispetto alla previsione formulata lo scorso anno, che si fermava a 18,1 miliardi. Nel corso del 2013 soltanto per comprare gli Eurofighter il ministero Sviluppo Economico spenderà 1182 milioni di euro”.

Oltre agli Eurofighter (Efa), lo stesso ministero “si accollerà le fregate Fremm (5,6 miliardi per le prime sei); i blindati da combattimento Freccia (1,5 miliardi per 249 veicoli); i jet d’addestramento Aermacchi M-346 (220 milioni per la prima trance); i gadger elettronici per il ‘Soldato futuro’ (800 milioni); gli elicotteri NH-90 di Esercito e Marina (3.895 milioni) e gli Agusta AW-101 dell’Aeronautica (740 milioni)”.

Ancora più frammentato, poi, il finanziamento dei nuovi satelliti spia Cosmo SkyMed. “La Difesa ci mette 229 milioni, altri 500 circa li tirano fuori il ministero dell’Università e Ricerca e l’Agenzia Spaziale. Il solito Sviluppo Economico contribuisce ai 300 milioni dei satelliti Sicral per le comunicazioni. Per le nostre sentinelle orbitanti – scrive L’Espresso – i generali prevedono di spendere circa mezzo miliardo in tre anni”. Altro denaro verrà poi speso per aerei radar e droni: “580 milioni per acquisire due fantascientifici jet Gulfstream Caew prodotti in Israele, vere centrali di spionaggio volanti. Altri 211 milioni sono il contributo italiano per la discussa squadriglia di velivoli-robot Global Hawk voluta dalla Nato”. Ma tutto il budget per le forze armate è cresciuto nel 2013, afferma il settimanale: “Esclusi i carabinieri, ci saranno 14,4 miliardi di euro contro i 13,6 miliardi del 2012, quando la spending review si è abbattuta sui conti, e i 14,3 miliardi del 2011. Il problema è che i due terzi dei soldi servono per gli stipendi”. (ANSA)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.