Difesa: Crocetta, basta arroganza su MUOS non siamo colonia USA

MUOS-NiscemiPalermo, 6 feb. – “Per il governo siciliano sono carta straccia le autorizzazioni sul Muos. Questo non vuol dire che non si potranno in futuro mai dare, ma deve essere tutto in regola e i pareri devono essere inequivocabili sull’assenza di effetti sulla salute. Ma gli Stati Uniti devono avere rispetto. Non possono continuare con il silenzio e la supponenza. Noi non siamo una colonia”. Lo ha detto il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta, in ordine al sistema satellitare della marina militare Usa in costruzione a Niscemi (Caltanissetta). Ieri la giunta ha dato mandato all’assessore all’Ambiente di procedere alla revoca delle autorizzazioni. “Anche la posizione del governo nazionale – ha aggiunto Crocetta- è sbagliata. Usa e Roma non facciano i prepotenti, ci diano garanzie oggettive”.

Grillini sul MUOS minacciano di far saltare il DPEF, come all’asilo

“I grillini minacciano di fare saltare oggi nuovamente il numero legale in aula per l’approvazione del Dpef perchè ancora non hanno avuto il documento con cui ho firmato l’avvio della revoca per il Muos di Niscemi? All’asilo fanno pure così…”. Così il Governatore siciliano Rosario Crocetta replica al Movimento cinque stelle che attende ancora il documento con cui il Governo ha revocato l’autorizzazione per i lavori del sistema radar in corso di realizzaizone a Niscemi (Caltanissetta). “Se la facciano mandare questa carta, anche via fax – ha detto Crocetta – Il Dpef non c’entra niente con il Muos, ma facciano quello che vogliono. Non capisco perchè in Commissione lo avevano approvato e in aula no. Per fare un dispetto? Non lo capisco”. “Noi ieri abbiamo firmato una delibera, un atto ufficiale, più carta di così? Ma non ci faremo mettere sotto scopa da nessuno. Questo vorrei che i grillini lo sapessero…”. “Cosa altro avrei dovuto fare per i grillini sul Muos? Fare la guerra agli Stati Uniti? Abbiamo avviato il procedimento per la sospensione e intimato alla Marina militare di non proseguire i lavori”. (Adnkronos)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.