Difesa: Cocer Esercito, dal governo provvedimenti devastanti

esercito-151Roma, 27 set. – “Apprendiamo con rammarico, disappunto e sconcerto dai media che il Governo il 28 settembre ha calendarizzato l’emanazione dei provvedimenti discendenti della spending review che avranno effetti devastanti sul personale militare”. Lo afferma in una nota il Cocer Esercito aggiungendo che tutto ciò è avvenuto “eludendo gli impegni già formalmente assunti dal ministro della Difesa, Giampaolo Di Paola alla presenza del Capo di Stato Maggiore della Difesa in sede di incontro con il Cocer Interforze circa l’apertura di tre tavoli tecnici in materia di spending review e previdenza, revisione e riforma dello strumento militare, riforma della rappresentanza militare e tutela del delegato”.

“Tali atteggiamenti assunti anche dai vertici dell’Amministrazione Militare che incontrando più volte i rappresentanti del Governo hanno tenuto all’oscuro questo Cocer, – prosegue la nota – evidenziano una chiara volontà di emarginare la Rappresentanza svilendone il Ruolo e la funzione allorquando le Amministrazioni devono assumere decisioni vitali per il futuro delle Forze Armate e del personale militare”. Il Cocer Esercito “con responsabilità votata alla esclusiva difesa degli uomini e delle donne in uniforme che quotidianamente e con sacrificio mantengono fede al giuramento prestato, decide: di non riconoscere gli incontri già avvenuti tra il Governo e l’Amministrazione Militare; di non partecipare agli incontri di facciata già programmati sino a quando questo Organismo “di fatto” non verrà riconosciuto quale parte sociale e sarà messo in condizione di tutelare la base rappresentata; di confidare nei leaders dei partiti che sostengono questo Governo politico a componente tecnica affinchè non venga posta in essere la programmata macelleria sociale all’interno del Comparto Difesa, Sicurezza e Soccorso Pubblico”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.