Difesa: Accame, dismettere le Frecce tricolori, costano troppo

falco-accame1Roma, 4 giu- “Dismettere dall’Aeronautica e dal bilancio della Difesa” le Frecce tricolori i cui costi sono ”elevatissimi” e non più compatibili con la situazione di ”ristrettezza economica in cui versa il Paese”. Lo chiede Falco Accame, presidente dell’Anavafaf, un’associazione che assiste i familiari delle vittime arruolate nelle Forze armate, ed ex Presidente della Commissione Difesa della Camera. ”Le pattuglie acrobatiche fanno degli show aerei che richiamano moltissime persone, ma questa attività non c’entra niente con i compiti dell’Aeronautica miltare”, afferma Accame, sottolineando che gli stessi velivoli impiegati sono ”dei piccoli Aermacchi che nulla hanno a che fare con qualsiasi tipo di impiego bellico e di addestramento militare”.

”In molti paesi – prosegue il presidente dell’Anavafaf – le pattuglie acrobatiche sono affidate a civili e si finanziano con gli introiti degli show aerei, mentre in Italia le Frecce tricolori fanno capo ai bilanci della Difesa e i loro costi sono elevatissimi: basta pensare che a loro disposizione c’è un intero aeroporto, quello di Rivolto con centinaia di dipendenti”. Da qui la richiesta di Accame di ”considerare tra i tagli della spesa pubblica l’eliminazione di questo capitolo”. (ANSA)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.