Afghanistan: Terzi, i militari caduti hanno lo stesso valore delle vittime del terrorismo

giulio-terziRoma, 30 mar – ”I militari italiani caduti in Afghanistan hanno lo stesso valore degli italiani che persero la vita nel nostro Paese nella lotta al terrorismo”. Lo afferma in una intervista al Corriere della Sera il ministro degli Esteri, Giulio Terzi, sottolineando che ”cinquanta italiani caduti” dal 2002 ad oggi ”è una realtà tristissima”. Ma in Afghanistan ”i nostri soldati combattono il terrorismo in un posto importante” che ”può essere un fattore di stabilizzazione del subcontinente indiano invece di essere il contrario”.

Nella zona Ovest del Paese, affidata al contingente italiano, dice, ”la transizione verso il passaggio di responsabilità alle autorità afghane è quasi completata” e ”nei prossimi mesi rimarrà fuori una piccola parte di territorio. abbiamo fatto un ottimo lavoro”. Non c’è però ancora, chiarisce il titolare della Farnesina, ”un calendario” per il rientro dei soldati italiani, fermo restando ”l’obiettivo di fare rientrare gran parte del nostro contingente per la fine del 2014”. In ogni caso, ”non abbiamo nè più ne meno fretta dei nostri alleati”. Quanto agli incidenti legati alle truppe Nato, Terzi osserva che ”Karzai manifesta giustamente un malessere per questi incidenti che andavano evitati” sottolineando che ”sono situazioni dalle quali stiamo uscendo ma richiedono uno sforo ulteriore che non era auspicabile”. (ANSA)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.