Afghanistan: militari italiani e polizia locale arrestano 28 insorti

afghanistan-reggimento-san-marcoRoma, 9 mag. – Sono 28 gli insorti arrestati dalle forze di sicurezza afghane e dai militari italiani nell’ambito di un’operazione congiunta denominata “Zafar 2” e condotta nella provincia di Farah, settore centrale dell’area di responsabilità del Comando Regionale Ovest (RC-West), a guida Brigata “Garibaldi”. L’operazione, durata quattro giorni, è stata condotta dalle forze di sicurezza locali (Afghan National Security Forces- ANFS) coadiuvate dalla Task Force South, su base Reggimento Cavalleggeri “Guide” (19°), per un totale di circa 550 uomini.

“Le attività – spiegano fonti del contingente italiano – hanno avuto come obiettivo quello di contrastare il terrorismo, di far rispettare la sovranità del governo, di insediare due nuovi posti di polizia e di permettere, così, la ricostruzione a favore della popolazione locale”. L’operazione “Zafar 2”, in particolare, “si inquadra nelle attività operative che il Comando di RC-West pianifica e coordina con le forze di sicurezza afghane, organizzazione che in questa fase della transizione ha permesso il passaggio della responsabilità della sicurezza alle forze afghane di gran parte dei distretti in cui si suddivide il settore posto sotto la guida italiana e che comprende le quattro province di Herat, Farah, Badghis e Gohr”. (AGI)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.