Afghanistan: Di Paola si commuove per i soldati feriti, Monica e Carmine forza!

dipaola-afghanistan2Herat, 31 mar. (Adnkronos) – “Monica, Carmine…forza!”. E’ l’incoraggiamento che il ministro della Difesa, Giampaolo Di Paola, rivolge con la voce rotta dalla commozione a Monica Contraffatto e Carmine Pedata, i due militari rimasti gravemente feriti nell’attacco di sabato scorso, nella valle del Gulistan, in Afghanistan. Un pensiero che fa commuovere Di Paola, e che arriva proprio dall’Afghanistan, dove il ministro ha presenziato alla cerimonia di avvicendamento fra la Brigata Sassari e la Garibaldi che prende il comando del contingente italiano. I due militari “sono ora in Italia – ha ricordato il ministro – sono stati colpiti gravemente e si porteranno addosso il peso di queste ferite per tutta la vita ma sono orgogliosi. E chiedono di ritornare nei teatri operativi”. Da Herat, Di Paola ricorda poi “tutti i caduti, non solo militari ma anche afghani”, dice nel suo discorso rivolto in inglese ai militari, alle autorità locali e – fra gli altri – al Capo di Stato maggiore della Difesa, Biagio Abrate e i due comandanti che si sono appena passati le consegne: il generale Luciano Portolano della Sassari e il Generale Luigi Chiapperini che terrà il comando italiano, a capo della Brigata Garibaldi, per i prossimi sei mesi.

Il ministro si dice “onorato” di “essere qui” in occasione della cerimonia “e di essere qui tra gli afghani”, sottolinea rivolgendosi alle autorità locali in prima fila. “Ho imparato quanto sia bello questo Paese e la sua gente che – sostiene – merita un futuro migliore”. E poi rivolto al Generale John Allen, comandante Isaf, presente all’evento, dice: “non posso immaginare un leader migliore”. Infine un ringraziamento speciale il ministro lo dedica a tutti i soldati Isaf. E al generale Portolano, che lascia oggi l’Afghanistan dopo sei mesi di mandato, Di Paola dice: “ha reso fieri noi italiani”, con la Brigata Sassari che elogia: “ha dimostrato di non essere seconda a nessuno”. (Adnkronos)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.