Cina: aumento della spesa militare del 7%, livello più basso da 20 anni

Parata-militare-femminile-cinesePechino, 6 mar – Il budget che la Cina destinerà quest’anno alle spese militari sarà del 7%, il livello più basso da più di due decenni, secondo i dati esatti diffusi oggi dall’agenzia ufficiale Xinhua.

Secondo la pianificazione del 2017, la cifra destinata sarà di 1.044 miliardi di yuan (pari a circa 143 miliardi di euro).

Rompendo con una pratica decennale, le cifre non sono state fornite nel bilancio presentato ieri ai 2.900 delegati riuniti per la quinta sessione dell’Assemblea Popolare Nazionale cinese. La portavoce Fu Yinsi era limitata a dire che l’aumento sarebbe stato di “circa il 7% e pari all’1,3% del Pil”, senza fornire ulteriori dettagli. L’anno scorso l’aumento degli stanziamenti per la spesa militare era stato del 7,6%.

Non conoscendo la cifra esatte per la spesa militari, l’inizio del Congresso non è stato centrato sul tema della difesa, a differenza degli anni precedenti. Al contrario, il primo ministro, Li Keqiang, ha voluto sottolineare gli obiettivi pacifici della Cina, a dispetto delle critiche dei partner stranieri circa la politica del paese nel Mar Cinese Meridionale considerata “sempre più aggressiva”.

L’incremento del 7% della Cina è comunque considerato modesto rispetto alla crescita del 10% annunciata dal nuovo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Un segno che, secondo gli esperti, Pechino non vuole aumentare le tensioni con l’Occidente, ma anche collegato al fatto che l’economia cinese non cresce più velocemente come prima.

Dopo gli Stati Uniti, il bilancio militare della Cina è il più grande del mondo. Il Paese più popoloso e la seconda più grande economia del mondo spende per la difesa più dei suoi vicini (Giappone, Corea del Sud, Filippine e Vietnam) messi insieme.(AdnKronos)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.