Pirateria: nave Zeffiro soccorre l’equipaggio di una motonave sequestrata che stava affondando

zeffiro-pirateriaRoma, 9 mar – La fregata Zeffiro della Marina militare italiana ha soccorso al largo delle coste della Somalia 25 uomini di equipaggio della motonave “Rak Afrikana”, con bandiera di Saint Vincent e Grenadine, che era stata sequestrata lo scorso 11 aprile e che stava affondando. Lo si è appreso da fonti qualificate, secondo cui le 25 persone tratte in salvo sono marittimi provenienti dall’India, dalla Tanzania e dal Pakistan.

La fregata Zeffiro si trova attualmente al largo delle coste somale per monitorare la situazione della petroliera “Savina Caylyn”, della società armatrice Fratelli D’Amato di Napoli, con a bordo 5 italiani e 17 indiani, sequestrata l’8 febbraio. In questo contesto si e svolta l’operazione di soccorso dell’equipaggio della “Rak Afrikana”, che risulta essere stata sequestrata quasi un anno fa, l’11 aprile 2010. Secondo indiscrezioni, proprio ieri sarebbe stato pagato il riscatto per la liberazione della motonave e dell’equipaggio, al termine di una complessa vicenda caratterizzata anche dalla cattura di quattro pirati da parte degli Shabaab, i miliziani islamici che controllano gran parte della Somalia, ai quali non sarebbe stata versata una percentuale dello stesso riscatto.

Il comandante della “Rak Afrikana” ha dichiarato che la nave stava affondando e di essere stato costretto ad abbandonarla, insieme all’equipaggio: i 25 naufraghi, che si trovavano su delle zattere, sono stati localizzati e tratti in salvo dalla nave militare italiana. L’operazione di soccorso è stata coordinata dal quartier generale del Comando navale Nato di Northwood. (ANSA)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.