Pirateria: Marina, nave Espero nell’Oceano indiano e Golfo di Aden

esperoRoma, 1 mar. – La fregata “Espero” della Marina militare ha iniziato la missione “Atalanta”, l’operazione di contrasto alla pirateria nell’Oceano Indiano, guidata dall’Unione europea. La missione delle forze navali europee (Task Force 465) è quella di “scortare i mercantili” del Programma alimentare mondiale (World food programme – Wfp) e dell’Unione dei Paesi africani in Somalia (African union mission in Somalia – Amisom); inoltre “contribuisce alla protezione di tutto il naviglio mercantile in transito in area di operazione per scoraggiare e impedire l’esecuzione di atti di pirateria o rapina in mare”.

L’Espero, con i suoi 221 membri di equipaggio, al comando del capitano di Fregata Vito Lacerenza, continua l’impegno della Marina militare per la prevenzione e il contrasto del fenomeno della pirateria e per la sicurezza delle rotte commerciali, che ha avuto inizio nel 2005, con la partecipazione del pattugliatore Granatiere all’operazione “Mare Sicuro”. La fregata Espero ha sostituito nave Zeffiro al termine dei tre mesi di attività operativa nelle acque dell’Oceano Indiano. (AGI)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.