Pirateria: armatori, grazie alla Guardia Costiera e alla Marina militare

zeffiro-pirateriaRoma, 14 dic – «Desidero esprimere i miei più vivi ringraziamenti al Comando Generale della Guardia Costiera italiana che ha immediatamente avvisato le forze navali nella zona e alla Marina Militare che con la nave “Zeffiro” si è mantenuta in costante contatto con il comandante della “Michele Bottiglieri”».

Ad affermarlo è Giuseppe Mauro Rizzo amministratore delegato e direttore generale della Rizzo-Bottiglieri-De Carlini Armatori Spa, commentando lo sventato attacco dei pirati alla nave portarinfuse “Michele Bottiglieri” in navigazione nel Golfo di Oman. «Rivolgo poi- prosegue Rizzo- un particolare plauso al Comandante Luca D’Esposito che, supportato da un equipaggio ben addestrato, è stato molto abile a dissuadere l’abbordaggio dei pirati. Tutta l’azione conferma l’importanza del rispetto dei protocolli di sicurezza nonchè del coordinamento con le forze militari presenti nell’area». Anche Paolo d’Amico, presidente di Confitarma, manifesta la sua soddisfazione per lo scampato pericolo: «colgo l’occasione per ribadire l’importanza dell’azione di sorveglianza marittima svolta dalla Marina Militare Italiana nell’area del Corno d’Africa per proteggere gli interessi nazionali italiani a garanzia della sicurezza delle nostre navi mercantili e dei loro equipaggi».

La Guardia Costiera fa sapere che “a causa di un colpo di arma da fuoco esploso durante l’attacco, è stato compromesso il funzionamento di un’antenna satellitare. Non vi sono ulteriori danni all’unità e all’equipaggio” e che “l’unità, ora fuori pericolo, partita il 25 novembre da Port Giles  nel sud dell’Australia, prosegue la sua navigazione per il suo porto di destinazione”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.