Marina: nave Fulgosi soccorre barcone con 80 migranti

Marina-migrantiIeri la Guardia Costiera ne ha soccorsi altri 65. Roma, 3 lug – Nave Cigala Fulgosi della Marina militare, dopo l’evento di ieri pomeriggio, si muove di nuovo in soccorso di un barcone di migranti avvistato a 80 miglia a sud est di Lampedusa.

L’avvenimento è stato segnalato da un peschereccio tunisino che ha comunicato la presenza di circa ottanta migranti a bordo dell’imbarcazione.

La nave della Marina militare che si trovava a quaranta miglia dal natante si è subito diretta nell’area SAR (Search and Rescue), mentre un elicottero del Cigala Fulgosi ha iniziato l’attività di ricerche e localizzazione.

Raggiunta l’imbarcazione, verificato che non c’era alcun morto, contrariamente a quanto annunciato dalla fonte tunisina, e giudicate le condizioni del natante instabili, ha iniziato il trasbordo dei circa ottanta migranti, tra cui dieci donne (quattro di queste incinte) e un bambino.

La nave della Marina militare dirigerà verso l’isola di Lampedusa; mentre in area rimarranno le motovedette della Guardia costiera.

Migranti soccorsi nella notte dalla Guardia Costiera

Intanto questa notte la Guardia Costiera di Roccella Jonica ha soccorso 65 migranti in difficoltà al largo delle coste calabre. L’allarme è scattato a seguito di una segnalazione telefonica da parte di un cittadino egiziano che avvertiva della presenza di un barcone in difficoltà con a bordo migranti.

Sul posto sono stati inviati una motovedetta della Guardia Costiera di Roccella Jonica, un aereo della Guardia Costiera partito da Catania e il mercantile italiano Hermana, che navigava in zona. L’unità è stata localizzata a 60 miglia a Sud Est di Punta Stilo con evidenti problemi di navigazione e in grande difficoltà in quanto cominciava ad imbarcare acqua. Sono quindi cominciate le operazioni di trasbordo dei 65 migranti sulla motovedetta della Guardia Costiera. I migranti, tra i quali figurano anche 2 minori, sono giunti alle 06.00 di questa mattina a Roccella Jonica tutti in buone condizioni di salute.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.