Marina militare: in corso inchiesta sui presunti furti ai danni di migranti

immigrazione-cigala-fulgosiRoma, 31 ott – «In merito all’articolo dal titolo Noi derubati sulla nave militare. Il giallo del furto ai profughi siriani pubblicato il 31 ottobre 2013 sul quotidiano la Repubblica e alle notizie frammentarie diffuse nelle ultime ore relative a presunti furti ai danni di alcuni dei migranti soccorsi dalla corvetta Chimera della Marina nei giorni scorsi, si informa che al momento sono in corso da parte della magistratura civile e militare gli accertamenti del caso, oltre ad una inchiesta interna da parte della Marina Militare».

E’ quanto riferisce una nota dello Stato maggiore Marina.

«La procedura in vigore a bordo delle navi della Marina Militare – spiega la nota – impegnate nell’operazione Mare Nostrum prevede all’atto delle operazioni di trasbordo dei migranti un accurato controllo delle persone» che «viene operato dal team brigata Marina San Marco e dal personale femminile di bordo, avendo cura di restituire gli effetti indossati e ritenuti non pericolosi agli interessati senza operare nessuna sottrazione».

«Si aggiunge inoltre – conclude la nota – , che in relazione allo specifico episodio, parte degli oggetti in possesso dei migranti, a causa delle precarie condizioni di galleggiabilità, sono stati abbandonati dagli stessi sul barcone successivamente affondato».

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.