Marina militare: Il Vespucci parte per la campagna estiva con 111 allievi

vespucci1Salpata da Livorno anche con 24 donne e 7 stranieri. Livorno, 5 lug – Ci sono anche 24 donne e 7 allievi stranieri a bordo dell’Amerigo Vespucci salpata intorno alle 10,30 dal porto di Livorno per la 77ma campagna estiva.

In tutto sono imbarcati sulla nave scuola, che quest’anno compie 80 anni, 111 allievi della prima classe dei corsi normali dell’Accademia navale di Livorno (sono 87 uomini e 24 donne), al comando del capitano di corvetta Alberto Tarabotto. A bordo della regina della Marina militare italiana anche allievi stranieri provenienti da Azerbaijan, Gibuti, Giordania, Iraq, Senegal e Yemen, due allievi dell’Accademia della Guardia di finanza e 3 dell’Accademia Aeronautica. «Gli allievi – ha detto il comandante dell’accademia di Livorno Pierluigi Rosati che ha salutato l’equipaggio e gli allievi in partenza – partono come singoli e rientrano come un solo corso». Si tratta infatti del cosiddetto “battesimo con il mare”, spiegano dall’Accademia, un viaggio durante il quale gli allievi ufficiali affronteranno il mare per la prima volta, imparando a vivere insieme, formando lo spirito di gruppo, fondamentale per diventare un equipaggio. Come per prassi alla fine della campagna addestrativa, a settembre, gli allievi si riuniranno e decideranno bandiera, nome e motto del corso. La “Vespucci”, al comando del capitano di vascello Paolo Giacomo Reale (116° comandante del veliero), sosterà in 9 porti del Mediterraneo Orientale e del Mar Nero: isola di Salina (isole Eolie, alla fonda), La Valletta (Malta), Beirut (Libano), Limassol (Cipro), Istanbul (Turchia), Odessa e Sebastopoli (Ucraina), Pireo (Grecia), Castellammare di Stabia (alla fonda). Il rientro a Livorno è previsto il 18 settembre.

Stamani al molo Capitaneria del porto mediceo di Livorno diverse centinaia di familiari hanno salutato gli allievi in partenza. Tra questi c’è anche chi non lo ha fatto per la prima volta, come Rossella, madre di Donata, 21 anni, livornese, che ha scelto la vita di mare come il fratello maggiore, già in Marina. Un’emozione già vissuta, ma ugualmente forte, vissuta con il padre e il nonno 84enne di Donata: ”E’ inevitabile – racconta Rossella mentre guarda orgogliosa sua figlia immobile e schierata sul ponte della Vespucci in procinto di mollare gli ormeggi – Qualche lacrima è scesa anche per lei”.

{nicedonate:http://www.grnet.it/donpay.gif||}

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.