Marina, combustibili ecologici: Pattugliatore Foscari prima nave con il “bollino verde”

foscari-naveAugusta, 29 gen – Questa mattina a bordo del Pattugliatore d’altura “Comandante Foscari“, si è svolta la conferenza stampa che ha illustrato i risultati dell’impiego di combustibili biologici ed eco-compatibili a bordo delle unità della Marina militare.

I risultati

foscari-direttoreIl pattugliatore Foscari ha condotto la prova in mare nel corso di una normale attività operativa di cinque ore, nel corso della quale l’alimentazione degli impianti propulsivi è stata commutata dal “tradizionale” diesel navale (sigla NATO F-76), ad una miscela contenente il 50% di “Green diesel” composto dai cosiddetti “feedstocks (materia prima, ndr) di seconda generazione”, cioè grassi animali, olii esausti e, almeno inizialmente, olio di palma. L’ing. Massimo Trani dell’ENI – l’azienda che produrrà il biodiesel navale – ha comunque assicurato che l’obiettivo aziendale è quello di usare materie prime non in competizione con il mercato alimentare.

«Le prestazioni dei motori sono rimaste inalterate – ci spiega il Direttore di macchina Tenente di Vascello Giuseppe Moretti -, non ce ne siamo praticamente accorti». I risultati sono stati talmente incoraggianti che la «manovra di rientro in banchina è stata effettuata con i motori alimentati con la miscela di “Green diesel” e in questo momento – ha precisato il TV Moretti – la generazione elettrica della nave è prodotta usando lo stesso biocarburante».

«Inoltre – sottolinea il Contrammiraglio Mario Culcasi, comandante delle Forze di Pattugliamento – abbiamo verificato mediante l’installazione di un opacimetro, un abbattimento delle emissioni del 40%; caratteristica importante del progetto – espressamente richiesta dallo stato maggiore – è la capacità di adottare il nuovo carburante ecologico senza alcuna modifica a macchine e circuiti».

I costi

«In questa prima fase – ci hanno spiegato gli esperti della Marina – i costi del biocarburante sono lievemente superiori a quelli del gasolio navale tradizionale, ma solo perchè influenzati dalle risorse impiegate per la ricerca, lo sviluppo e la sperimentazione. A regime il costo del biocarburante dipenderà dalle materie prime utilizzate e, quindi, dal mercato, ma si prevede che non superi quello del gasolio tradizionale». La Marina, dal canto suo, ha sostenuto con minime risorse la fase di sviluppo e sperimentazione.

Le ricadute occupazionali e industriali

autobotte-green-dieselUn aspetto che è stato sottolineato sia dall’ENI che dagli ufficiali della Marina, riguarda l’impianto di produzione di Porto Marghera, che sino a qualche tempo fa sembrava avere il destino segnato dalla crisi e che, invece, verrà trasformata in “Green Refinery” mediante la valorizzazione degli impianti esistenti e di tecnologie proprietarie di Eni, che gli permetteranno di convertire materie prime (olii vegetali e biomasse) in eco-carburanti di altissima qualità come, appunto, il Green Diesel usato a bordo del pattugliatore Foscari, che è diventato – ci dice con comprensibile orgoglio il suo comandante, capitano di fregata Alberto Raganato – la prima unità certificata della “flotta verde” della Marina.

Intorno al progetto “Green Diesel” insomma si respira un’aria di ottimismo e di entusiasmo tra gli ingegneri della Marina: come è stato rilevato infatti dal capitano di vascello Raffaele Sanua, della Direzioni Armamenti Navali, e dal capitano di fregata Pasquale Tripodi dello stato maggiore della Marina, «l’adozione di carburanti alternativi a quelli petroliferi produce vantaggi strategici sia per la Marina sia per il sistema-paese, perchè permetterà di “alleggerire” la dipendenza italiana dai paesi produttori di petrolio».

Per quanto riguarda, infine, gli aspetti prettamente operativi, la Marina italiana in collaborazione con quella statunitense, sta sviluppando un protocollo che porterà ad uno standard in modo da avere, in qualsiasi parte del mondo, disponibilità future di Green Diesel per approvigionare le navi delle rispettive flotte.


Foto cine-operatore Andrea Manzella

{artsexylightbox path=”images/foscari-green” previewWidth=”150″ previewHeight=”100″ sort=”asc”}{/artsexylightbox}

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.