Libano: rientra il pattugliatore Borsini, fine missione della Marina

borsiniRoma, 7 ott – Rientra domani nella base navale di Augusta il pattugliatore “Comandante Borsini” della Marina Militare, dopo più di tre mesi trascorsi nelle acque libanesi nell’ambito della forza marittima di Unifil. Termina così la presenza della Marina nelle acque del Libano per la missione Onu, che ha visto in oltre quattro anni avvicendarsi ventitre navi della nostra Marina e per quattro mandati l’assunzione del comando della forza marittima Unifil da parte di ufficiali della Marina italiana. Al comando del capitano di fregata Simone Malvagna il pattugliatore “Comandante Borsini” con i suoi 78 militari d’equipaggio, ha svolto la missione di sorveglianza marittima operante in base alla risoluzione Onu 1701, totalizzando più di 1.700 ore di moto e percorrendo più di 21mila km. Il Pattugliatore, durante la sua missione, ha inoltre condotto attività di addestramento sia con la Marina libanese che con quella israeliana. La Marina Militare ha iniziato la sua presenza nella missione delle Nazioni Unite nelle acque libanesi nel luglio 2006, a seguito del conflitto tra Libano ed Israele. Con il suo operato la Marina spiega di aver ”contribuito a porre fine al blocco navale israeliano imposto durante la crisi del 2006, permettendo alla popolazione civile libanese il graduale ritorno alla vita normale”. (ANSA)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.