India, processo ai Fucilieri: la Corte Suprema esamina la questione della giurisdizione

fucilieri-indiaNew Delhi, 28 ago – La Corte Suprema indiana ha cominciato oggi ad esaminare a New Delhi un ricorso presentato dall’Italia per invalidare il processo istruito nello Stato indiano del Kerala contro i marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, coinvolti in un incidente avvenuto il 15 febbraio scorso in cui sono morti due pescatori. Lo ha constatato l’ANSA nella capitale indiana. In presenza di una delegazione italiana guidata dall’ ambasciatore Giacomo Sanfelice, il presidente del tribunale n.2 della Corte, Altamar Kabir, ha dato la parola all’avvocato difensore dei due Fucilieri di Marina, Harish Salve, il quale ha illustrato per oltre tre ore i principi generali di esercizio della sovranità e di giurisdizione in base ai quali le autorità del Kerala non avevano il diritto di intervenire nella vicenda. Dopo aver ricordato che l’incidente fra la petroliera Enrica Lexie e il peschereccio St. Anthony è avvenuto a circa 20 miglia nautiche dalla costa, e quindi non in acque territoriali indiane, ma in quelle contigue, Salve ha insistito molto sul ruolo dei fucilieri di marina presenti sulla nave. ”Si tratta – ha sottolineato – di militari in servizio di sicurezza, ottemperando a risoluzioni delle Nazioni Unite e nelle vesti di rappresentanti dello Stato italiano”. Non si tratta di contractor privati, ha aggiunto, ”ma di veri e propri delegati a garantire la sicurezza dell’unità, che in caso di emergenza non erano neppure sottoposti all’autorità del comandante di bordo”. Salve ha quindi esaminato le varie sezioni del codice penale indiano, sostenendo che ”esso non trova applicazione in questa vicenda perchè l’incidente è avvenuto fuori della zona in cui l’India può esercitare una sovranità diretta”. Mentre, ha concluso, il diritto pubblico internazionale ”è chiaro assegnando allo Stato di cui è la bandiera della nave, il diritto di giudicare eventuali reati commessi dal personale a bordo”. A metà pomeriggio il presidente della sezione ha aggiornato il dibattimento a domani.

Ministro Terzi: passaggio importante del processo. Seguiamo tutte le fasi con attenzione

”L’avvio della fase dibattimentale alla Corte Suprema di New Delhi è un passaggio importante per il caso dei nostri due militari Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, perchè riguarda l’aspetto fondamentale della vicenda, cioè l’accertamento della competenza a giudicare i nostri uomini”. Lo sottolinea il titolare della Farnesina, Giulio Terzi. ”Il Governo italiano – spiega Terzi – segue la questione con la massima attenzione, e continuerà a seguire tutte le fasi del procedimento in Corte Suprema, anche attraverso gli esperti italiani che affiancano il team di difesa dei nostri militari in India. La nostra posizione è coerente con il principio che in questi mesi abbiamo ribadito con i nostri partner e in tutti i più importanti fora internazionali: la giurisdizione esclusiva è italiana, in quanto i fatti sono avvenuti fuori dalle acque territoriali indiane, su una nave battente bandiera italiana, su cui erano impegnati militari italiani che agivano come organi dello Stato, e quindi immuni dalla giurisdizione di altri Stati”. (ANSA)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.