India: altri 15 giorni di carcere per i nostri fucilieri

maro-india4New Delhi, 19 mar – La carcerazione preventiva per i marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone è stata estesa per altri 14 giorni su ordine del magistrato di Kollam, davanti al quale i due militari sono comparsi stamattina.

Durante l’udienza, durata circa 15 minuti, il legale dei due maro, Sunil Maheshwar del foro di Kollam, ha chiesto al giudice la possibilità di concedere un fermo di polizia, invece della carcerazione preventiva. Il giudice, A.K. Gopakumar, si è però opposto e ha disposto la custodia fino al prossimo 2 aprile (per 14 giorni in totale). Per tutto il tempo i due militari sono stati nel fondo dell’aula. Latorre è apparso con i capelli rasati. I due soldati erano accompagnati dal console generale di Mumbai, Giampaolo Cutillo, dall’addetto militare dell’ambasciata di New Delhi, Franco Favre, e da funzionari della Marina. Dopo la decisione, i due marò sono saliti su un cellulare della polizia e sono ripartiti per la prigione centrale di Trivandrum.

Fiaccolata a Taranto

fiaccolata-tarantoIntanto, più di 300 persone hanno partecipato alla fiaccolata svoltasi ieri in solidarietà ai due militari detenuti in India. La manifestazione organizzata dall’Unsi (unione nazionale sottufficiali) è partita con a capo i parenti di Massimiliano Latorre alle ore 18,30 dall’Arsenale militare percorrendo le strade del centro affollate dallo shopping del sabato sera concludendosi nei pressi del monumento al marinaio.
Presenti molti politici, lavoratori delle forze dell’ordine, militari in borghese e associazioni di ex militari e combattenti e tanta gente comune tutti a dimostrare solidarietà ai due marò e alle loro famiglie.
Era presente anche una delegazione del Partito Popolare Sicurezza e Difesa, che schiera a Taranto i propri candidati Giuseppe Mastronuzzi e Francesco Guarini, al consiglio comunale nelle liste del Terzo Popolo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.