Immigrazione, Marina: assetti navali e subacquei per rinforzare la sorveglianza

ChimeraE per contribuire alle operazioni di ricerca e soccorso. Roma, 4 ott – La corvetta della Marina Militare Chimera è partita dalla base navale di Augusta per rinforzare il dispositivo di sorveglianza e controllo in alto mare.

Nella notte, inoltre, anche il pattugliatore Cassiopea ha lasciato l’ormeggio ad Augusta per dirigere verso Lampedusa. La nave ha imbarcato una camera iperbarica, un team sanitario e un team di palombari del Gruppo Operativo Subacquei della Marina per contribuire alle operazioni di recupero corpi in profondità.

Il pattugliatore della Marina Militare Vega, già intervenuto ieri con l’elicottero imbarcato, rimane in assistenza. Stamattina il Vega sarà avvicendato dal pattugliatore Libra – già in mare – nella normale turnazione delle unità impegnate in Vigilanza Pesca.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.