Il made in Italy “salpa” verso l’estero sulle navi della Marina

gruppo-navale-cavourRoma, 5 nov – (dalla nostra inviata, Monica Ferdinandi) “Il Sistema Paese in movimento”, questo è il nome della campagna navale che partirà a novembre 2013 e si concluderà ad aprile 2014. “Il gruppo navale Cavour, costituito dalla Fregata Bergamini, dalla Nave di Supporto Logistico Etna, da un pattugliatore Classe Comandanti e dalla Portaerei Cavour – viene spiegato alla conferenza stampa odierna presso il Circolo Ufficiali delle Forze Armate d’Italia in Roma -, sarà impegnato in una importante missione umanitaria e di promozione all’estero del sistema Italia”.

“La missione – dichiara il Capo di stato maggiore della Marina, ammiraglio De Giorgi – si svilupperà nei paesi del golfo arabico, in Oceano Indiano e attorno all’Africa. Si tratta di una impresa storica che vede la Marina militare italiana fortemente impegnata per raggiungere traguardi d’interesse strategico per il Paese: assistenza umanitaria nei confronti delle popolazioni, soprattutto africane  avvalendosi delle Onlus Operation Smile, Francesca Rava e delle infermiere volontarie della CRI; promozione delle eccellenze imprenditoriali italiane; sicurezza marittima, attraverso operazioni di antipirateria e protezione del traffico mercantile nazionale; sostegno alle Marine dei paesi rivieraschi anche in funzione di cooperazione, sviluppo e modernizzazione; supporto alla politica estera nazionale”.

conferenza-stampa-gruppo-cavour“Il Cavour – viene spiegato – sarà allestito come un “le Bourget” (il salone internazionale dell’aeronautica e dello spazio, ndr) in movimento per la promozione dell’attività industriale e commerciale del made in Italy. Il brand, in ogni sua forma, potrà così essere valorizzato lontano dalla madre patria in una cornice interamente italiana.”

“Importanti attori istituzionali e commerciali hanno creduto in questa sfida e supportato la camnapna navale in diverse forme, con il comune intento di promuovere grandi potenzialità dell’ltalia in campo umanitario, culturale in quello industriale”.

I partner che si sono affiancati all’operazione sono numerosi: Ministero degli Affari Esteri, Ministero dello Sviluppo Economico, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e Turismo, ENI, ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, EXPO 2015, ONLUS Operation Smile, Fondazione Francesca Rava N.P.H. Italia, Corpo Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana, Finmeccaruca, Fincantieri, Agusta Westland, SELEX ES. OTO Melara, WASS, MBDA, Telespazio, FederLegnoArredo, Elettronica SPA, Intermarine, Gruppo Beretta. Piaggio Aero, Pirelli, Blackshape.

«Le Forze armate italiane contribuiscono significamengte alla capacità dell’Italia di rappresentarsi nel mondo – ha detto il ministro Mauro – unendo i fattori sicurezza e svuluppo, recuperando competitività per il nostro paese». Con la campagna navale in partenza si avrà la «possibilità di proporci sullo scenario globale con iniziative e prodotti eccezionali; rafforzare legami di amicizia e infondere credibilità rappresentandoci con il meglio che sappiamo fare».

«Il progetto – spiega ancora l’ammiraglio De Giorgi – si incentra su tre punti cardine:vigilanza, sicurezza e promozione del made in italy; il progetto è finanziato da diversi partners, ed è un investimento strategico per sostenere la nostra industria».

Per il dott. Riccardo Monti, presidente dell’ICE, si tratta di una «operazione intelligente per presentare un Italia al meglio della sua espressione-progetto visto come occasione per presentare l’eccellenza del made in Italy».

Tra i partners, la “componente” più nutrita è senza dubbio quella messa in campo dal gruppo Finmeccanica, attraverso le aziende del gruppo Agusta Westland, OTO Melara, Selex ES, ma si avverte il “peso” di altre grandi imprese nazionali come la Fincantieri, uno dei più importanti complessi cantieristici navali d’Europa e del mondo.

La MBDA, azienda leader a livello mondiale nell’industria dei missili e dei sistemi missilistici, che partecipa alla campagna navale del Gruppo Navale della Marina Militare italiana, mostrerà le proprie capacità nel settore dei sistemi di difesa aerea navale ed antinave. Verranno infatti esposti modelli dei missili Aspide 2000, Aster 15 e Aster 30, Marte MK2/S e Teseo/Otomat. MBDA infine presenterà alcuni modelli di missili
disponibili per il caccia Eurofighter, tra cui la versione ER (Extended Range) del missile Marte, lo Storm Shadow, il Meteor e il Brimstone DM (Dual Mode).

MBDAè un gruppo multinazionale che può contare su oltre 10.000 dipendenti ed una presenza industriale in cinque paesi europei e negli Stati Uniti. MBDA è l’unico gruppo capace di progettare e produrre missili e sistemi missilistici in grado di soddisfare i requisiti operativi presenti e futuri di tutte le forze armate. In totale, il gruppo offre una gamma di 45 programmi missilistici e contromisure già in servizio operativo e più di 15 in fase di sviluppo.

MBDA è controllata da tre azionisti di riferimento operanti nel settore della difesa e dell’aerospazio: BAE Systems (37.5%), EADS (37.5%) e Finmeccanica (25%), ed è la prima azienda di settore completamente integrata a livello europeo.

FederlegnoArredo,  dal 1945 è ambasciatrice del gusto dell’abitare italiano in tutto il mondo. “Guarda al futuro con la certezza che questo patrimonio contribuirà ancora alla crescita del nostro Paese”, si legge in una nota consegnata alla stampa.

“La mission di FederlegnoArredo è quella di incontrare gli imprenditori del legno e dell’arredo per sostenere il desiderio di fare impresa. Crescere in numeri, forza e consapevolezza. Creare opportunità di business. Sviluppare la capacità di rispondere al mercato che cambia. FederlegnoArredo opera nella sede centrale di Milano, negli uffici di Roma, Bruxelles e attraverso le rappresentanze a Shanghai, Chicago, Mosca, londra e Belgrado contando oltre 2.800 aziende, divise in 10 associazioni e 2 associazioni aggregate.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.