Haiti: sono in corso imbarchi di uomini e mezzi sulla portaerei Cavour. Parte domani.

cavour3Impegnati anche Esercito, Aeronautica e Carabinieri. La Spezia, 18 gen – Sono in corso le operazioni di imbarco di uomini, automezzi ed elicotteri a bordo della portaerei “Cavour” della Marina Militare , ormeggiata nello stabilimento Fincantieri del Muggiano dove da poco ha ultimato il suo allestimento. Il primo impiego operativo della nuova ammiraglia della Marina Militare Italiana sarà quindi l’intervento umanitario di aiuto alle popolazioni terremotate di Haiti.
A bordo stanno salendo genieri della brigata alpina Julia e fucilieri del battaglione San Marco, mentre stanno atterrando sul ponte di volo sei elicotteri della Marina provenienti dalla vicina base di Luni. Anche un team medico composto da 34 persone è a bordo, dove ci sono varie e modernissime sale operatorie, una sala di rianimazione, attrezzature per la Tac, una camera iperbarica, un reparto per la cura degli ustionati.
La portaerei Cavour ha un equipaggio di 540 persone e sarà impiegata come supporto logistico.

La Cavour giungerà nell’area di operazioni dopo una sosta tecnico-operativa in Brasile dove imbarcherà personale medico delle forze armate brasiliane. Si tratta di un’operazione congiunta tra le forze armate italiane e quelle brasiliane per fornire assistenza alle comunità colpite dal terremoto.
Il dispositivo nazionale interforze, che svolgerà l’operazione denominata “White Crane”, composto da quasi 800 militari, sarà così strutturato:

– Esercito Italiano: task force genio di livello compagnia, che comprende anche un plotone di Force Protection, un plotone trasmissione, 15 mezzi ruotati e cingolati per il movimento terra, 20 autoribaltabili, 5 autogru e personale sanitario.

– Marina Militare: portaerei “Cavour” che, oltre all’equipaggio della nave (circa 550 persone), imbarcherà personale destinato alla Force Protection, 6 elicotteri medi con capacità di trasporto di uomini, un direttore e personale sanitario.

– Aeronautica Militare: un assetto di Force Protection, un Team Base Ops per il coordinamento delle attività aeree e personale sanitario.

– Carabinieri: un nucleo di polizia militare e personale sanitario.

Il personale sanitario sarà impiegato nell’ospedale Role 2 “Light Manoeuvre” imbarcato sul Cavour.

cavour

Portaerei Cavour

LA SCHEDA. La portaerei Cavour è la più grande costruzione navale del Dopoguerra. E’ costata circa 1,3 miliardi di euro.
E’ lunga 244 metri e larga 40 ed ha un dislocamento che supera le 27mila tonnellate. Le quattro turbine di derivazione aeronautica delle quali è dotata sono capaci di spingerla ad una velocità che supera i 30 nodi, con un’autonomia di 7mila miglia a 16 nodi. La Cavour, inoltre, è equipaggiata con un sistema per la generazione di energia elettrica in grado di produrre energia equiparabile a quella cumulativa di circa 6000 utenze domestiche.
La nave è stata concepita per poter ospitare, supportare e lanciare in volo sia aerei che elicotteri per un totale complessivo di 24 aeromobili. L’equipaggio è limitato a 530 persone grazie al livello di automazione estremamente spinto raggiunto in ogni ambito: tuttavia le sistemazioni logistiche permettono di accogliere secondo standard abitativi di primissimo livello sino a 1.210 persone.
Come ogni unità di prima linea della Marina Militare è sempre pronta ad essere dislocata anche in teatri operativi estremamente distanti. Con preavviso di poche ore è in grado di prendere il mare completamente equipaggiata, per contribuire alla tutela della sicurezza e della difesa nazionali ed alla salvaguardia della pace e della stabilità internazionali.
Il servizio sanitario può contare su una sala rianimazione, due sale operatorie, una sala terapia intensiva (per 8 persone al massimo), una sala ustionati, una sala degenza (max 20 persone), due ambulatori, una sala radiologica-Tac.
La Cavour ha ricevuto al bandiera di combattimento il 10 giugno scorso entrando così nella flotta della Marina. Quella di Haiti sarebbe la sua prima missione operativa vera e propria.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.