Guardia Costiera: la tecnologia a tutela dei consumatori

guardia-costiera-controlli-pescaRoma, 27 giu – Ma davvero il filetto di merluzzo che compriamo è merluzzo? Per dare una risposta concreta è stato sottoscritto questa mattina, presso la sede della Direzione Generale della Pesca e dell’Acquacoltura del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, un importante accordo tra il Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto – Guardia costiera e l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie (IZSVe). Il protocollo d’intesa stabilisce una stretta collaborazione e cooperazione fra i due Enti i cui compiti istituzionali riguardano, tra gli altri, le problematiche legate alla tutela del consumatore, in particolare nel settore della tracciabilità, della sicurezza alimentare e di contrasto delle frodi in commercio per sostituzione di specie nel settore ittico. Nello specifico obiettivo primario è la messa a punto di protocolli analitici per l’identificazione di specie ittiche tramite prove di isoelettrofocalizzazione (IEF) e di biologia molecolare (PCR) – metodologie innovative che rendono possibile il riconoscimento delle stesse anche quando sono commercializzate in tranci e filetti e dunque poco riconoscibili – metodiche fondamentali per il contrasto alle frodi in commercio.

Altri obbiettivi non meno rilevanti, la realizzazione di un percorso formativo a favore del personale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera e l’attività di divulgazione presso gli operatori addetti al controllo.

Al progetto parteciperà anche la Dott.ssa Valentina Tepedino di Eurofishmarket – medico veterinario tra i massimi esperti nel settore – responsabile di questo nuovo metodo di identificazione del contrasto alle frodi alimentari.+

{nicedonate:http://www.grnet.it/donpay.gif||}

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.