Guardia Costiera: fermo pesca, ma i pescatori ci provano. sequestri nel barlettano

guardiacostiera_cp227Roma, 28 ago – Un’intensa attività di indagini ha portato gli uomini della Guardia Costiera a scoprire il modo fraudolento con cui alcuni pescatori di Barletta continuavano a svolgere attività di pesca a strascico , nonostante il fermo biologico in vigore per quella zona.
Con l’ausilio dei sommozzatori del Nucleo operativo di Messina è stato scoperto che i pescatori occultavano le attrezzature sul fondo del mare per recuperarle il giorno successivo e continuare ad esercitare l’attività di pesca a strascico, nonostante il divieto.
Al termine delle operazioni sono stati sequestrati oltre un quintale di pesce novellame insieme a tutte le attrezzature impiegate e depositate sul fondo, per un valore di oltre diecimila euro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.