Fermati dai croati due pescherecci italiani. Guardia Costiera avvia contatti con le autorità

pescherecciRoma, 8 dic – Fermati questa mattina due pescherecci italiani al largo dell’isola di Pelagosa. Alle 07,35 locali, motovedette croate li hanno intercettati ed accusati di aver superato il confine delle acque nazionali.
Sono il motopesca “Andrea Cesarano” (lunghezza 21,20 metri e tonnellate di stazza lorda 41,48) ed il motopesca “Nuova Giovanna” (18,15 metri; 22,95 tonnellate), entrambi iscritti nel porto di Manfredonia, ciascuno con tre persone a bordo.
Le unità sono state scortate fino al porto di Vis (isola di Lissa), dove sono state poste sotto sequestro, in attesa di giudizio.
Il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, venuto a conoscenza del fatto, ha immediatamente avviato contatti con le Autorità croate, oltre che con il Ministero degli Affari Esteri e delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.
Le prime stime eseguite dalla Centrale Operativa della Guardia Costiera grazie al tracciato storico dei sistemi di monitoraggio satellitare inducono a ritenere che i due motopesca non fossero, al momento del fermo, in acque croate.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.