Bari: pescatori frodo tentano di investire un militare della Guardia Costiera

guardia-costiera-arrestoDue arresti. Bari, 22 feb – Due pescatori di frodo, V.L., 47 anni, e D.F., 23, sono stati arrestati ieri dai carabinieri della Tenenza di Mola di Bari e da militari della Guardia Costiera, nell’ambito dei controlli per reprimere il fenomeno della pesca illegale ai danni dell’ecosistema marino. Sequestrati cinque chilogrammi di datteri di mare, specie di cui è vietata la cattura in qualunque stadio di crescita.

L’arresto è giunto al termine di un servizio di osservazione di un natante e di un inseguimento per le vie cittadine di Mola di Bari. I due pescatori, dopo aver lasciato l’imbarcazione, sono fuggiti a bordo di un’auto, e per forzare il blocco intimato dalla Guardia Costiera, hanno tentato di investire uno dei militari e di speronare l’auto della pattuglia. Gli stessi militari della Guardia Costiera, unitamente ai carabinieri, si sono messi all’inseguimento dell’auto, alla fine indotta a fermarsi, con manovra abile, dall’auto dei carabinieri. Dopo le perquisizioni e gli accertamenti sono stati sequestrati, oltre a 5 chilogrammi di datteri di mare, nascosti e rinvenuti a seguito di una accurata ispezione dei luoghi da parte dei militari, il natante e l’auto impiegati e le attrezzature subacquee. Ora i due pescatori di frodo, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, si trovano agli arresti domiciliari in attesa del processo per direttissima che sarà celebrato nella giornata di domani. (Adnkronos)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.