Rifiuti: La Russa manda l’Esercito a Paternò. Autocompattatori scortati dai carabinieri

soldati_monnezzaPaternò (CT), 13 feb – Arriva l’esercito a Paternò dove è esplosa l’emergenza rifiuti ed è molto concreta quella sanitaria. In tutto un tenente e quattro caporalmaggiori posti alla guida degli autocompattatori fatti requisire dal sindaco Pippo Failla alla società che si occupa della raccolta. Ieri il primo cittadino aveva chiesto aiuto al “concittadino” ministro della Difesa Ignazio La Russa, originario del grosso centro della provincia di Catania. Oggi è arrivata la risposta. A raccogliere l’immondizia gli addetti dell’amministrazione comunale, scortati dai carabinieri. I netturbini della società Gesenu da giorni in assemblea permanente perchè non ricevono lo stipendio, infatti, avevano minacciato i colleghi del Comune perchè non lavorassero. Da qui l’invio dei militari che guidano i mezzi, e dei carabinieri che garantiscono l’ordine pubblico. Failla, che ha chiuso le scuole fino a martedì, ha spiegato di non avere avuto alternative: l’Azienda sanitaria provinciale ha, infatti, intimato di ripulire la città sommersa dai rifiuti per evitare grossi problemi sanitari.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.