Esercito: addio al «cordiale» ma arriva il cappuccino, cambia la razione di combattimento

militari-italiani-in-missioneLe confezioni hi-tech mandano in soffitta il fornelletto, più calorie per i soldati in missione. Roma, 7 set – Addio al fornelletto da campo e alle bustine di liquore “cordiale”, via libera alle barrette energetiche e al cappuccino, perchè anche in “prima linea” l’Italian Style in fatto di alimentazione non si discute: cambiano le esigenze operative dei militari, sempre più spesso impegnati in missione all’estero e si evolvono quindi le razioni alimentari da combattimento. Confezioni hi-tech auto-riscaldanti, razioni che assicurano un maggior apporto di calorie ma un minor peso complessivo da caricare nello zaino: la versione aggiornata della storica “Razione K” è in fase di avanzata definizione nei suoi dettagli ma le linee guida sono state tracciate in un recente vertice in ambito Nato che ha permesso di salvaguardare comunque le tradizioni e le abitudini alimentari di ogni Paese dell’Alleanza atlantica. E così è stato dato il via libera a menù più vari e numerosi (quelli “italiani” diventeranno dieci), ”con un aumento dell’apporto calorico totale, che passerà da 3.650 a 4.000, calcolando un consumo medio di alimenti per circa 2.500 calorie da parte del militare. Queste linee guida, che ora saranno tradotte in pratica – dice all’Adnkronos il tenente colonnello Pierluigi Merola, del Corpo di Commissariato dell’Esercito – tengono conto dei fattori connessi alla cultura e alle tradizioni alimentari dei vari Paesi”.

Barrette energetiche che compensano le colazioni nordiche a base di uova e bacon

”La scelta di proporre menu più vari – aggiunge il tenente colonnello Merola – aumentandone anche il numero è connessa all’esigenza di fornire tutti gli apporti nutrizionali necessari alle determinate esigenze operative del personale. La varietà delle proposte alimentari offerte al militare può giocare poi un ruolo nell’evitare la possibile remora psicologica al consumo che potrebbe verificarsi trovandosi di fronte sempre gli stessi alimenti per lunghi periodi di tempo”. Le nuove confezioni non prevedono più l’utilizzo del fornelletto da campo: gli involucri contengono una soluzione che, ad una lieve pressione, provocano una reazione chimica che scalda il contenuto. Un bel passo avanti rispetto alle vecchie Razioni K, con una diminuzione di peso complessiva di circa 500 grammi. Le razioni sono quindi già pronte per il consumo, più facili da maneggiare, aprire e utilizzare e garantiscono una migliore efficienza di imballaggio e riduzione dei costi di trasporto e di stoccaggio. Le dosi e i menu sono stati studiati per garantire circa il 28% di energia totale a colazione, il 50% a pranzo e il 22% a cena. A colazione non mancano pane o cracker, due porzioni di marmellata di frutta, una barra di cioccolato, una porzione di biscotti e una barretta energetica. Quest’ultima andrà a “compensare”, sotto il profilo proteico, le colazioni a base di uova e bacon tipiche dei militari dei Paesi nordici.

Italian ration pack project”, nelle confezioni anche le gomme per l’igiene orale

A pranzo previsti primo e secondo piatto, grissini, dessert, energy drink e barrette energetiche, con menu che si alternano per offrire la più ampia varietà al militare in missione. La cena sarà invece un pasto più leggero, con un involucro contenente la portata principale, cracker, grissini, cereali e fruit bar, alternati a seconda dei diversi menu. Le razioni previste dal programma “Italian Ration Pack Project” variano da un minimo di 4.002 a un massimo di 4.056 calorie. Tra i dieci diversi menu la percentuale di carboidrati si attesta intorno al 55-58%, proteine comprese tra l’11 e il 13%. Tra i prodotti alimentari supplementari disponibili anche il “sacchetto bevanda Cappuccino”, il caffè solubile e il the al limone, gomme da masticare senza zucchero per l’igiene orale (confezione da due per ogni pasto), compresse per purificare l’acqua, stuzzicadenti e salviette umidificate. (Adnkronos)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.