Esercito, 150° anniversario: a Torino Napolitano consegna onorificenze ai familiari dei militari caduti. La Russa fischiato

larussa-torinoRoma, 4 mag – Ha lasciato piazza Castello, a Torino, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che ha assistito alla cerimonia per il 150° anniversario della costituzione dell’Esercito italiano. Il capo dello Stato ha conferito la decorazione di “Cavaliere dell’Ordine Militare d’Italia” alla bandiera del 9° Reggimento paracadutisti d’assalto “Col Moschin” e le “Croci alla Memoria” ai famigliari del capitano Alessandro Romani, del sottotenente Mauro Gigli, del sergente maggiore Massimiliano Ramadù, del caporal maggiore capo scelto Pierdavide De Cillis, del caporal maggiore scelto Gianmarco Manca, del caporal maggiore scelto Luigi Pascazio, del caporal maggiore scelto Francesco Vannozzi, del caporal maggiore scelto Sebastiano Ville, e del primo caporal maggiore Marzo Pedone.

Fischi a La Russa

Sempre a Torino, nel corso della cerimonia, fischi per il ministro della Difesa Ignazio La Russa. I fischi sono partiti non appena il responsabile della Difesa ha preso la parola dal palco di piazza Castello. La Russa ha immediatamente replicato ai contestatori: ”Sono poveri, piccoli fischiatori di professione – ha detto – che non hanno nulla a che vedere con le divisioni partitiche”. Il ministro della Difesa ha continuato il suo discorso nel quale ha ricordato l’impegno dei militari italiani e ha rivolto un pensiero ai familiari dei soldati italiani caduti in servizio. La contestazione era nata da un piccolo gruppo all’interno della folla che partecipa alla cerimonia in piazza Castello. A sostegno del ministro e’ immediatamente intervenuto un gruppo che ha applaudito il suo intervento.

{nicedonate:http://www.grnet.it/donpay.gif||}

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.