Afghanistan, militari italiani inaugurano scuola femminile in Gulistan

scuola-gulistanIl ripristino della struttura è stato reso possibile grazie all’interessamento delle sezioni di Belluno, Vicenza e Trento dell’Associazione nazionali alpini (Ana). Roma, 14 feb – In Afghanistan, il contingente militare italiano di stanza nella regione occidentale e guidato dal generale Marcello Bellacicco – anche comandante regionale di Isaf (Rc-W), ha celebrato il completamento dei lavori di ristrutturazione di una scuola femminile nel villaggio di Qala I Kuna, nel distretto di Gulistan (provincia di Farah). Il complesso scolastico “Bibi Dost”, unico femminile presente nella vallata del Gulistan e la cui ristrutturazione è durata cinque mesi, era da tempo inutilizzato a causa di un incendio provocato da seguaci del regime talebano. Il progetto, che ha preso avvio all’arrivo del personale della task force nel mese di settembre 2010, ha visto il pieno coinvolgimento delle autorità governative locali oltre che l’interessamento dell’Associazione nazionale alpini (Ana) delle sedi di Belluno e Vicenza e della provincia di Trento. Queste, rispettivamente, attraverso il settimo reggimento Alpini di Belluno e il secondo Genio guastatori di Trento, hanno reso disponibili i fondi per la realizzazione dell’opera.

La ristrutturazione ha interessato l’edificio principale, con il rifacimento dell’intera struttura, del tetto e della pavimentazione di tutte le otto aule scolastiche. Particolare importanza è stata data alla fornitura completa di arredi scolastici ed alla installazione di stufe a legna, per poter garantire l’ impiego nei rigidi mesi invernali. Anche il muro perimetrale, che circonda l’istituto, è stato rinforzato al fine di garantire una maggiore sicurezza per le frequentatrici, che riprenderanno le lezioni nella prossima primavera. Alla cerimonia d’inaugurazione hanno partecipato il governatore della provincia di Farah, accompagnato dalla rappresentante del Parlamento di Kabul, Bolquis Roshan, e dal capo della polizia. Durante l’introduzione, effettuata dal governatore e dalla parlamentare, appositamente arrivata dalla capitale per l’evento, sono stati ringraziati quanti hanno contribuito alla realizzazione dell’opera.

Inoltre, è stato sottolineato l’importante traguardo raggiunto per una maggiore scolarizzazione femminile, e al progressivo incremento che queste opere portano alla stabilità nell’area. Notevole è stata la cornice di sicurezza messa in atto dai nostri soldati con la preziosa e significativa cooperazione dell’esercito afgano e della polizia locale. L’importante partecipazione di pubblico, adulti e bambini, provenienti da numerosi villaggi limitrofi, pone l’accento sul considerevole lavoro svolto dal personale della task force operante nel distretto e sulla percezione della popolazione di questo complesso angolo di Afghanistan, nei confronti delle forze Isaf. (Il Velino)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.