Afghanistan: Lagunari in prima fila per le emergenze sanitarie

Attivita_sanitariaHerat, 9 nov – Le attività del contingente italiano in Afghanistan non hanno soste nè variazioni e le rotazioni dovute ai vari cambi tra reparti non influenzano le attività sul terreno. La chiave di volta dell’ “approccio italiano” rimane la popolazione locale, popolazione che nelle aree di competenza dei Lagunari soffre una grave mancanza di strutture ospedaliere. Così anche le singole attività di incontro con i capi villaggio si trasformano spesso in richieste di aiuto di base. In particolare, durante un’attività il capo villaggio di Tappeh Sadat, piccola zona abitativa vicino alla Fob ”Tobruk” di Bala Baluk sede della 1° compagnia, i lagunari hanno allestito una clinica mobile. Durante le visite, il medico in particolare si è occupato di un bimbo di soli 3 anni, che era procurato una ferita al piede dovuta all’incapsulamento di un sasso sotto il tallone destro. Patologia minore che, in queste condizioni igienico-sanitarie si era aggravata causando una profonda e pericolosa infezione, che se non curata adeguatamente poteva portare all’amputazione dell’arto. Il medico militare resosi conto della gravità del caso e dell’impossibilità di agire sul posto, ha attivato la catena medica per una pronta risposta.

Grazie alla disponibilità del team medico statunitense è stato possibile organizzare il trasporto presso il ”Role 1” italiano della base avanzata ”El Alamein” di Farah. Qui un’equipe italo-americana guidata dal medico militare italiano ha eseguito un intervento chirurgico al piccolo Hamibullah estraendo il sasso e medicando la ferita. L’operazione concepita organizzata e condotta con estrema rapidità ed efficacia ha avuto esito positivo. Il piccolo Hamibullah attende ora la completa guarigione stimata in 40 giorni con medicazioni periodiche per poter ricominciare a correre ed a giocare con i propri coetanei. Con una stretta di mano al Comandante della Task Force South, colonnello Giovanni Parmiggiani, il padre del piccolo paziente ha ringraziato tutto il contingente Isaf. (Adnkronos)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.