Afghanistan, La Russa furioso: sono arrivato puntuale al funerale, sui giornali solo falsità

LaRussa1Roma, 15 lug – Una ”leggenda metropolitana calunniosa, una bugia, una falsità”. Cosi’ il ministro della Difesa bolla il breve articolo di oggi su Repubblica, e di ieri su L’Espresso online, nel quale si sostiene che l’aereo con la salma del caporalmaggiore Roberto Marchini, morto in Afghanistan, al suo rientro in Italia per i funerali sia stato costretto a volteggiare sopra l’areoporto di Ciampino per il ritardo di La Russa. La Russa, visibilmente ”incazzato” convoca i giornalisti, alla Camera dove è in corso il voto sulla manovra, e dice di essere ”molto, molto arrabbiato perchè su queste cose non si scherza”. Il ministro racconta di essere arrivato a Ciampino alle 9.45 mentre l’aereo con la salma del militare è atterrato alle 10.14. ”Addirittura – racconta – per motivi di cerimoniale, essendo l’ultima delle personalità a dover arrivare, mi avevano consigliato di rallentare ma io ho preferito arrivare il prima possibile a Ciampino, per poter stare con i familiari del militare”.

”Mi arrabbio – continua La Russa – perchè quando si tratta di caduti non si può scherzare. Il fatto è gravissimo. Non si scherza su queste cose delicate. Queste bugie non sono più sopportabili” tanto più, aggiunge, che ”sono state riportate da chi non c’era. Ho controllato gli accrediti e i giornalisti di Espressso e Repubblica non c’erano”. Il ministro conclude così: ”Non ho mai querelato i giornalisti, ma forse per la prima volta dovrò prendere qualche provvedimento”.

{nicedonate:http://www.grnet.it/donpay.gif||}

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.