Afghanistan: 3.000 visite mediche ai civili effettuate a Camp Arena nel 2010

militari-afghanistan10Herat, 23 gen. – Sono state più di tremila le visite mediche effettuate nel 2010 nella base di Camp Arena ad Herat, sede del Comando Regionale Ovest (RC W). Ogni mattina, al cancello secondario della base, si presentano donne, bambini e adulti che chiedono di essere visitati dai medici militari, visto che la città di Herat è lontana quasi 10 chilometri. L’infermeria del Forward Support Base (FSB), il comando che supporta logisticamente il personale e le operazioni della base, ha allestito in prossimità dell’ingresso un piccolo ambulatorio composto da due container. Il primo adibito a locale visite, il secondo a farmacia.

Nella zona antistante è stata invece predisposta un’area al coperto dove i bambini afgani trovano anche dei giocattoli per passare il tempo durante l’attesa. Il 70% delle persone visitate sono state donne e bambini. La maggior parte delle patologie sono di lieve entità: gastroenteriti, affezioni delle vie aree, dermatiti, ustioni e ferite. Attualmente, le visite mediche sono garantite dall’ufficiale medico del Task Group Shark (TG Shark). Ogni mattina, quando non ci sono emergenze che richiedono l’intervento del soccorso aereo, il dottore e due infermieri, sempre dello stesso team medico, si recano nell’ambulatorio e visitano i civili locali. L’ingente quantitativo di medicinali che viene distribuito in ambulatorio proviene da donazioni volontarie italiane che la cellula Cimic del comando provvede a far giungere in teatro. Si tratta di un piccola attività umanitaria che si aggiunge alle altre molteplici iniziative che i militari e civili italiani svolgono ogni giorno a favore della popolazione afgana per supportare il processo di sviluppo economico e sociale del Paese. (AGI)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.