Libia: prima missione per i Predator italiani senza pilota

Predator-italiaDecollato da Amendola (Foggia), utilizzato per la ricognizione. Roma, 12 ago – Prima missione operativa sui cieli della Libia per gli aerei senza pilota italiani. Un Predator B è decollato mercoledì da Amendola (Foggia), sede del 32° Stormo dell’Aeronautica militare con compiti di ricognizione aerea, rientrando alla base dopo un sorvolo di 12 ore tra il Canale di Sicilia e il territorio libico. Con l’utilizzo della pista di Amendola salgono a sei le basi italiane dalle quali decollano i velivoli che prendono parte all’operazione multinazionale Nato Unified Protector: oltre alla struttura pugliese, l’elenco comprende Trapani, Gioia del Colle, Sigonella, Aviano e Decimomannu.

A guidare a distanza sui cieli libici i cosiddetti “Uas” (Unmanned Aerial System) italiani sono gli specialisti del 32° Stormo di Amendola (Foggia), gli stessi che in questi mesi pilotano, a quasi 5.000 km dagli obiettivi, i Predator attualmente impegnati in Afghanistan nell’ambito della missione Isaf. Sotto il profilo tattico il Predator, nelle sue versioni A+ e B, risponde all’esigenza di incrementare le missioni Isr (Intelligence surveillance recognition) sui cieli della Libia. In configurazione “B”, il Predator può essere dotato di armamento di precisione, ma i due velivoli italiani di questo tipo attualmente in linea di volo non sono armati e vengono utilizzati esclusivamente per compiti di ricognizione, sfruttando la capacità dei Predator di rimanere diverse ore sopra l’obiettivo. Il sistema a pilotaggio remoto è costituito da quattro componenti principali: l’aereo stesso, i sensori, la stazione di terra per la guida e il controllo del velivolo e il sistema di telecomunicazioni per lo scambio dei dati. In Afghanistan il Predator è impiegato dal giugno del 2007, prima ancora era stato utilizzato in Iraq. Nella versione “B”, l’aereo può volare ad una velocità massima di 445 chilometri all’ora, ad oltre 15.000 metri di quota ed ha un’autonomia di 30 ore. (Adnkronos)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.