L’Aeronautica Militare partecipa all’European Air Transport Training 2013

European-Air-Transport-TrainingRoma, 13 giu – “Train to operate together” è il focus dell’European Air Transport Training 2013, in corso sulla base aerea di Saragozza dal 9 al 21 giugno.

L’European Air Transport Training, giunto quest’anno alla seconda edizione, è il programma addestrativo dedicato al settore del trasporto aereo organizzato dall’European Defence Agency (EDA) in stretta collaborazione con l’European Air Transport Command (EATC). Lo scopo dell’EATT 2013, ospitato sulla base aerea spagnola di Saragozza, è quello di testare e incrementare il livello di interoperabilità di ciascun Paese partecipante in contesti multinazionali, come quelli in cui sempre più spesso le moderne Forze Aeree sono chiamate ad operare. Proiettare le proprie forze, mezzi, materiali a grandi distanze, in luoghi difficili da raggiungere, ostili e in tempi brevi, interagendo con assetti di altri Paesi, è infatti l’imperativo che sta alla base delle moderne operazioni militari.

E’ per questo che creare occasioni di confronto e di scambio di competenze fin dalle fasi dell’addestramento è una necessità imprescindibile affinché “l’airlift capability” diventi una risorsa risolutiva delle moderne campagne militari e colonna portante del Potere Aereo. L’EATT rappresenta, oggi, per i Paesi europei, un’opportunità unica per testare la propria “airlift capability” in un contesto multinazionale, dando attuazione al concetto operativo di “pool and sharing” promosso dall’EDA nello specifico settore del trasporto aereo.

Al Distinguished Vip Day/Press Day, organizzato martedi 12 giugno per presentare alla stampa le attività e gli aspetti più salienti dell’EATT, ha partecipato una delegazione dell’Aeronautica Militare con a capo il Generale di Squadra Aerea Carlo Magrassi, Vice Comandante della Squadra Aerea, che ha evidenziato la necessità di “dare continuità e sempre maggiore solidità alle competenze acquisite dall’A.M. nel settore del trasporto aereo, sempre più indirizzato verso una dimensione europea in cui l’Aeronautica Militare potrà rivestire un ruolo di primo piano”.

All’EATT 2013 partecipano 350 unità e 13 velivoli di otto nazioni europee: Belgio (un C-130 e due equipaggi), Repubblica Ceca (un CN-295 e due equipaggi), Francia (un C-130, un CN 235-300 e quattro equipaggi), Germania (tre C-160 e quattro equipaggi), Olanda (un C-130 e due equipaggi), Spagna (un C-130, un CN-295 e quattro equipaggi), Svezia (due C-130 e due equipaggi).

L’Aeronautica Militare è presente con un C-27J della 46ª Brigata Aerea di Pisa e un KC767A di Pratica Di Mare, quale assetto esterno all’esercitazione per il rifornimento in volo di caccia francesi e spagnoli impegnati in operazioni aeree complesse (COMAO). Integrano il detachement italiano una cellula aeromedica per le operazioni di MEDEVAC, una cellula di manutenzione per il supporto logistico, una cellula Intelligence e due Ufficiali piloti con funzioni di mentor. Nel corso dell’EATT saranno sperimentati i più impegnativi profili di missione: trasporto e aviolancio di personale e materiali, supporto a operazioni speciali, operazioni di air-to-air refuelling, operazioni tattiche a bassa quota in ambiente ostile, atterraggi su piste semipreparate, multiship formation, operazioni notturne in NVG, operazioni di evacuazione medica.

“La possibilità di addestrarsi in un contesto multinazionale nello specifico settore del trasporto aereo, condividendo procedure, tattiche e soprattutto la propria esperienza è un indiscutibile valore aggiunto che l’EATT offre a tutte le Forze aeree per incrementare la loro interoperabilità e occasione unica per testare in un arco di tempo ristretto l’addestramento di anni” – dichiara il Ten.Col. Alfredo Marroccelli, Italian SNR del distaccamento italiano rischierato sulla base aerea di Saragozza.

L’EDA sta portando avanti un altro progetto per implementare le occasioni di addestramento congiunto nel settore del trasporto aereo militare. A partire dal 2014, infatti, oltre alla terza edizione dell’EATT, si svolgerà, sempre a Saragozza, il primo EAATT (European Advanced Airlift Tactics Training), ulteriore passo avanti nella direzione di una sempre maggiore interoperabilità tra le Forze Aeree dei Paesi europei nel settore del trasporto aereo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.