Aeronautica: dopo 50 anni alle Frecce Tricolori arrivano le donne

Frecce50-1

“Presto anche loro ai comandi”. 11 e 12 manifestazione a Rivolto. Roma, 2 set – L’Aeronautica militare festeggia 50 anni di attività delle Frecce Tricolori. Una formazione ancora tutta al maschile, ma già dal prossimo anno ai comandi potrebbe arrivare una donna. Di questa imminente ”svolta rosa” è convinto il comandante della Pattuglia acrobatica nazionale (Pan), il tenente colonnello Marco Lant, mentre il capo di Stato maggiore della Forza armata, il generale Giuseppe Bernardis, dice: ”Le donne nella Pan? Le vedo bene”. ”Per accedere alle selezioni un ufficiale dell’Aeronautica deve avere mediamente dieci anni di esperienza”, spiega Lant durante la conferenza stampa di presentazione delle celebrazioni per l’anniversario delle Frecce Tricolori, che prevedono una grande manifestazione aerea l’11 e il 12 settembre a Rivolto (Udine) ed una serie di iniziative collaterali.
”Le prime donne – prosegue – sono entrate in Aeronautica nei primi anni 2000 e quindi credo che ci troviamo effettivamente alle porte delle prime candidature. Quest’anno ancora non c’erano, per il prossimo anno vedremo”. ”L’Aeronautica – aggiunge il generale Bernardis – ha già delle donne “combat ready”, cioe’ pronte al combattimento sugli Eurofighter e riteniamo che in un tempo non lontano ne avremo anche a bordo delle Frecce Tricolori”. L’11 e il 12 a Rivolto ”ci aspettiamo qualcosa come mezzo milione di persone”, spiega il comandante delle Frecce. ”Entrambe le giornate saranno aperte al pubblico e ad esibirsi saranno otto team acrobatici di diverse nazioni, per un totale di oltre 100 velivoli. Ci sarà anche una mostra statica. Insomma, sarà sicuramente un bello spettacolo”.

frecce50Per festeggiare la Pan l’Aeronautica ha fatto le cose in grande, anche perchè ”non si tratta soltanto di celebrare l’anniversario delle Frecce – sottolinea il generale Bernardis – ma soprattutto di cogliere l’occasione per far vedere a tutti cos’è l’Aeronautica adesso, una Forza armata che attraversa una profonda trasformazione”. E dunque: video, libri (il volume ”Frecce Tricolori. Un volo lungo cinquant’anni”, edito da De Agostini, in collaborazione con Aviator edizioni), opere divulgative a fascicoli sulla storia dell’Aeronautica con tanto di modellini (in collaborazione con la Rcs), mentre la manifestazione di Rivolto sarà trasmessa il 12 in diretta su RaiUno e su RaiSport+, ma anche sul sito dell’Aeronautica. Insomma, un grande evento (durante il quale saranno raccolti anche fondi in favore dell’Airc, l’Associazione per la ricerca sul cancro) realizzato grazie anche alla collaborazione di imprenditori, aziende e, soprattutto, della Regione Friuli Venezia Giulia che ”è particolarmente orgogliosa di ospitare a casa sua da così tanto tempo le Frecce tricolori: esiste un legame tra la Pan e la nostra Regione che dura da tempo e migliora negli anni”, spiega il vicepresidente della Regione Luca Ciriani. ”Le Frecce rappresentano l’Italia come la vorremmo sempre: l’Italia vincente, all’avanguardia, ammirata in tutto il mondo. Guai a chi ci tocca le Frecce tricolori!”.

Ma in questi anni di tagli, non sarà penalizzata anche la Pattuglia acrobatica? Il capo di Stato maggiore dell’Aeronautica assicura di no. ”Le Frecce non costituiscono un grande costo, anche se pure la loro attività è stata ridotta in modo proporzionale. Il programma resta comunque più che adeguato (18-20 esibizioni annue in Italia e in Europa – ndr) e lo standard elevatissimo”. (ANSA) – Foto Aeronautica Militare

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.